Consigli di lettura: Hermann Hesse

“Ciò che conta è tutto dentro di noi; da fuori nessuno ci può aiutare. Non essere in guerra con se stessi, vivere d’amore e d’accordo con se stessi: allora tutto diventa possibile. Non solo camminare su una fune, ma anche volare.” Hermann Hesse

Hermann Hesse è nato a Calw in Germania nel 1877, dove passò gli anni della gioventù, periodo decisivo al quale ritorna spesso nei suoi libri. La vita e l’opera dell’autore sono percorse interamente dal contrasto fra tradizione familiare, coscienza individuale e realtà esterna. Il fatto che lo scrittore sia riuscito, nonostante i ripetuti conflitti interiori e in contrasto con le decisioni familiari, ad assecondare la propria volontà, getta notevole luce sulla sua attività letteraria. Per tutta la sua vita è stato un uomo alla continua ricerca di sé. Dopo il suo trasferimento in Svizzera nel 1904, intraprende vari viaggi, fra cui, particolarmente importante, quello compiuto in India nel 1911, dove venne profondamente influenzato dalla spiritualità orientale. Fra i molti riconoscimenti che ottenne, figura anche il premio Nobel per la letteratura nel 1946. Dopo gli anni della Seconda Guerra Mondiale si sposta in cerca di rifugio a Montagnola nel Canton Ticino, dove vi rimane fino alla sua morte nel 1962.Nelle sue opere esplorò i territori della ricerca spirituale individuale spingendosi oltre ogni convinzione culturale e letteraria. Tratta tematiche riguardanti il superamento di crisi personali e gode nell’affrontare vicende di esseri umani infelici per naturale disposizione o per altrui incomprensioni. Nei suoi scritti, ambientati fra rivolte antiborghesi e ricerca dell’armonia, si nota il suo rifiuto verso una società moderna troppo tecnicizzata che lo ha spinto a desiderare ardentemente di recuperare una nuova e più profonda spiritualità. L’opera di Hesse, esprime una vasta articolata dialettica tra sensualità e spiritualità, ragione e sentimento. Il suo interesse per le componenti irrazionalistiche del pensiero e per certe forme del misticismo orientale anticipa la vasta fortuna che i suoi libri hanno trovato presso le giovani generazioni successive, soprattutto in America ed Europa.

HERMANN HESSE DA LEGGERE:

Hesse

Gertrud (1910)

Romanzo breve che racconta le memorie del violinista Kuhn, della sua amicizia con Heinrich, un cantante d’Opera, e Gertrud. Il protagonista da giovane è vittima di un incidente che lo rende storpio e così trova sicuro rifugio nella musica. Data la sua condizione, sente che non riuscirà mai a vivere una storia d’amore e dunque si ritira e rifugia nella condizione di amico, perdendo così la donna da lui amata, Gertrud, che in seguito si sposerà con il suo amico Heinrich. Kuhn, a causa del suo animo travagliato da artista, sceglie tragicamente di togliersi la vita dopo l’abbandono di Gertrud. Il percorso sentimentale del protagonista è tortuoso: prima osserva l’amore nelle vicende degli altri, poi comprende che esso invece è serenità nel momento in cui lo prova per la prima volta, per poi sprofondare di nuovo nell’angoscia quando l’oggetto del suo amore si allontana.

Siddharta (1922)

Sospeso fra sogno e realtà ed ispirato alle vicende del Buddha, il libro narra la vita di un giovane indiano che cerca la sua strada nei più svariati modi. Abbandona casa e famiglia per recarsi con amico Govinda dai “Samana”, uomini spirituali che vivono di poco o nulla. Ben presto si accorge che quella situazione non gli dà abbastanza e abbandona l’amico. Durante il suo pellegrinare incontra Kamala, che gli insegna le gioie dell’amore, divenendo soggetto di quelle debolezze che, per tanto tempo, si era allenato a sfuggire e a reprimere. Dopo un lungo periodo di transizione, disperato decide di annegarsi in un fiume, ma arriva il suo vecchio amico Govinda a salvarlo, ritrova quindi un nuovo motivo di vita con maggiore comprensione del mondo e di se stesso, che culminerà con il raggiungimento dell’illuminazione, quel nirvana di cui tanto aveva parlato con Govinda.

Il lupo della steppa (1927)

Il libro racconta la storia di una profonda sofferenza psicologica che coglie il protagonista alla soglia della mezza età. Harry soffre d’un forte conflitto di personalità, per il quale l’unico percorso di guarigione è la riconciliazione con le sue due parti antitetiche e contrapposte che rendono la sua vita una sofferenza continua. Egli si descrive come un uomo con due personalità: una di uomo e l’altra di lupo; queste due nature, in continuo conflitto, lo rendono incapace di godersi la vita. Conosce però Erminia, che lo converte ai piaceri della vita moderna. Il finale del racconto si svolge in un “Teatro Magico” dove, nel momento in cui crede di aver finalmente recuperato la capacità di amare, uccide la persona amata con una pugnalata al cuore. Mozart gli si siede quindi accanto e lo esorta a comprendere l’umorismo della vita, a lasciar da parte i sentimenti, e soprattutto…ad imparare a ridere!

Narciso e Boccadoro (1930)

Romanzo di ambientazione medievale che narra la storia dell’amicizia fra Narciso, giovane asceta diligente e contemplativo, e Boccadoro, un ragazzo che arriva al convento di Mariabronn come allievo. Narciso capisce ben presto l’animo di Boccadoro e quando gli rivela una sua profonda convinzione, il ragazzo lascia il monastero. Nella sua vita da vagabondo incontra l’amore ma anche le difficoltà e gli orrori del mondo. In tutte le figure femminili che lo accompagnano cerca la madre e la comprensione di se stesso, trovando piena realizzazione nella natura, nei sensi. Narciso, d’altro canto, impara a vivere nella felicità e a realizzarsi nello spirito. I due aspetti contrastanti dei personaggi rivelano la concezione che l’autore ha sulla vita e sulla verità. Entrambi sono alla ricerca della verità e vi arrivano mediante strade completamente opposte in cui però si sentono appagati.

Annunci

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...