Consigli di lettura: Margaret Mazzantini

a cura di Giovanna Fabris

“La scrittura è sempre rischio, esperimento, sfida”. Margaret Mazzantini

Margaret Mazzantini nasce a Dublino il 27 ottobre 1961, dove vive per tre anni per poi seguire i genitori nei loro viaggi fino al trasferimento a Tivoli. Frequenta l’Accademia d’Arte Drammatica di Roma, dove si diploma nel 1982. Nello stesso anno esordisce a teatro, recitando Goethe, Cechov, Strindberg, Sofocle, e proprio qui conosce il suo futuro marito, Sergio Castellitto. Si sposano nel 1987, e avranno 4 figli.

Il suo esordio letterario è datato 1994 con Il catino di zinco, in cui si racconta la storia della signora Antenora, la nonna che, confinata tra le pareti domestiche, esercita con energia un matriarcato indiscusso nel quale si impongono valori netti e semplici. Il catino di zinco, inteso come oggetto vero e proprio, rappresenta una sorta di macchina del tempo e viene usato per raccontare un’Italia dove ciò che poteva pensare “la gente” era tenuto in considerazione quasi più dei bisogni delle persone. Con questo libro vince il suo primo Premio Campiello e il Premio Opera Prima Rapallo-Carige. Nel 2001 pubblica Non ti muovere con cui vince un altro Premio Rapallo-Carige, il Premio Grinzane-Cavour e nel 2002 il Premio Strega. Nel 2004 il film tratto dal romanzo e diretto dal marito Sergio Castellitto replica nelle sale il successo del libro e segna la nascita dell’amicizia con Penelope Cruz, straordinaria attrice protagonista. Per sei anni Margaret scompare; riappare sulla scena letteraria con il best seller Venuto al Mondo, in una storia d’amore tormentata dalla sterilità e dagli scontri armati a Sarajevo durante la guerra della Jugoslavia. Questo libro le frutta il secondo Premio Campiello, nel 2009 e il marito Sergio ne dirigerà la trasposizione cinematografica. Nel 2011 pubblica Nessuno si salva da solo, la storia di Delia e Gaetano, una coppia che lo era e ora non lo è più come capita spesso di questi tempi, e di come una cena in un ristorante può contribuire a riaprire gli stomaci stretti dalla rabbia e dal digiuno di felicità. Nello stesso anno esce Mare al mattino, vincitore del Premio Cesare Pavese e del Premio Matteotti, in cui due madri, Jamila e Angelina, raccontano una stessa storia fatta di disperazione e miseria. Splendore è il suo ultimo titolo, edito nel 2013, in un tributo all’amore nella sua libertà, che trova il coraggio di trasformare la vergogna in bellezza.

La sua scrittura è intrisa di pensieri, ma “è il mondo intorno, a raccontare”, dice lei stes- sa. Con la sua prima opera è stata attentissi- ma alle parole da usare, ma per le pubblica- zioni più recenti ha deciso di sperimentare molto di più, essere più naturale e sbrigliata: questo potrebbe risultare oscuro, per i let- tori, ma i dettagli che Margaret Mazzantini riesce a cogliere possono davvero dare un tono diverso al mondo.

MARGARET MAZZANTINI DA LEGGERE:

Mazzantini1

Venuto al Mondo (2008)

Gemma parte per Sarajevo con suo figlio Pietro: qui rivive i suoi ricordi a partire dal 1984, quando conosce il poeta Gojko e il suo grande amore Diego, fotografo genovese. Tornati in Italia per sposarsi, sono costretti a fare i conti con la sterilità di Gemma, che porta la donna alla depressione: per sollevarle il morale, Diego la convince a tornare a Sarajevo, dove vengono sorpresi dall’assedio del 1992. Durante i bombardamenti, Gemma e Diego conoscono Aska, giovane musicista ribelle che accetta di affittare il suo corpo per aiutare la coppia ad avere un figlio. Il racconto di un amore segnato dalla guerra e dal disperato inseguimento della maternità.

Annunci

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...