Cinema: Wes Anderson

a cura di Elèna Blažević

Americano sì, ma non da blockbuster. Tra gli amici lo chiamiamo il regista dei pantoni pastello. Oppure, il regista dalle inquadrature simmetriche. O ancora, lo statunitense che sembra nord europeo. Ah, quello che ha diretto la pubblicità di Prada, per le esperte, profumo ‘Candy’, con Lea Seydoux.

Chiamiamolo come vogliamo. Fatto sta, lui rimane sempre cool.

Wes Anderson inizia la sua carriera come scrittore e direttore di alcune opere teatrali. Intraprende, posteriormente, gli studi di filosofia in Texas, dove conosce Owen Wilson e i suoi fratelli che, in seguito, compariranno in alcuni dei suoi film. La sua filmografia inizia con un cortometraggio: Un colpo da dilettanti (Bottle Rocket); Anderson e i fratelli Wilson vengono notati dal produttore James L. Brooks (produttore de I Simpson) che aiuterà Anderson a partecipare al Sundance Film Festival. Fu un successo, così decise di farne un lungometraggio.

Esce in seguito I Tennenbaum che nel proprio cast vede grandi nomi come Gwyneth Paltrow, Owen Wilson, Luke Wilson, Bill Murray ed il favoloso Gene Hackman. In mente ci rimane la storia di una famiglia che esplode di tenerezza e una Gwyneth Paltrow senza dito, con pelliccia, fumando una sigaretta in bagno.

Dopo il grande successo riscosso dal film, nasce Le avventure acquatiche di Steve Zissou, che vede Bill Murray nei panni di Steve Zissou il quale desiderio è catturare un misterioso mostro marino. Anderson ritorna al tema ‘famiglia’ con Un treno per Darjeeling, storia di tre fratelli in cerca di alcune risposte, in un treno, direzione India. Colonna sonora eccellente, con la famosa Where do you go to my lovely di Peter Sarstedt.

Conosciamo già tutti la storia di Moonrise Kingdom, storia di amore tra Sam Shakusky e Suzy Bishop, ambientato su un isola, la Moonrise Kingdom. Da non scordare i vestitini di Suzy e gli occhiali di Sam.

Ed infine, il suo ultimo film, uscito nel 2014, Grand Budapest Hotel. Componenti favolesche, colori tenui e ripetuti (predominante il rosa), i nemici che non sono poi tanto nemici, inquadrature simmetriche, ambienti domestici deliziosi, attori eccellenti.

Colonne sonore da inserire immediatamente nella playlist (da canzoni indiane come Typewriter Tip Tip passiamo ad un David Bowie rivisitato, in portoghese).

Da vedere. Da lasciarsi andare e piangere pure.

“Vorrei vivere in un film di Wes Anderson, vederti in rallenty quando scendi dal treno coi personaggi dei film di Wes Anderson: idiosincratici, più simpatici di me” I cani, Wes Anderson

Un film: Grand Budapest Hotel

WesAnderson02jpg

Neve, neve ovunque. Un hotel enorme, interni arancio. Inizia così la storia di complicità di un Lobby Boy, Zero Moustafa, e del più elegante dei concierge di tutti i tempi, Gustave H.
Un effetto madeleine.
Zubrowka, anno 1968. Zero Moustafa, ora padrone dell’albergo, decide di raccontare la sua storia ad uno scrittore. Flashbacks. Siamo nel 1932. Hotel color rosa pastello, interni sofisticati e clienti altrettanto eleganti. Gustave H., elegante concierge e amante di poesia e di dame anziane, tra cui Madame D.
Madame D. lascia l’albergo e nell’ultima conversazione con Gustave rivela di avere un presentimento, quello di morire. Nell’ora della lettura del testamento, Madame D. lascerà in eredità un quadro: Ragazzo con Mela di Johannes Van Hoytl. I figli di Madame si arrabbia- no, e anche parecchio.
Cosa succederà con Gustave H.? Che fine farà il quadro? E il Lobby Boy, quale sarà il suo destino? Finora, il film più bello del 2014. Orso d’argento al Festival Internazionale del cinema di Berlino.
Annunci

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...